Per conoscere le origini dell’Assistente Virtuale, dobbiamo tornare al lontano 1992 con Anastacia Brice.

Impiegata amministrativa in un’azienda americana, ha avviato la prima attività di Assistente Virtuale, gestendo da casa la pianificazione di viaggi per diversi manager.

Ha scoperto quindi, il grandissimo potenziale, perché da remoto, poteva gestire molteplici attività per clienti vicini a lei ma anche in tutto il mondo.

Per questa ragione, a partire dal 1996 ha studiato e iniziato a formare moltissime donne per diventare Assistenti Virtuali.

Ma ancora più importante, nel 1997 ha fondato la prima organizzazione di Assistenti Virtuali, attualmente ancora attiva in America, la AssistU.

Ultimo ma non meno importante, nel 2007 per la sua leadership nel settore, Anastacia è stata nominata la prima vincitrice del premio Thomas Leonard International Virtual Assistant of Distinction.

Ad oggi continua il suo lavoro come formatrice di tante donne, che in questo modo riescono a conciliare la vita privata con quella lavorativa.

Concludendo, sono sicura che anche in Italia questa attività verrà presa in considerazione, considerato anche, gli enormi vantaggi che offre.